Il corteo nuziale: come si dovrebbe entrare in chiesa

1024 682 Le Rêve Wedding Planner Roma Organizzazione matrimoni cerimonie ebraiche Destination Wedding in Rome Italy

Il corteo nuziale: come si dovrebbe entrare in chiesa

L’entrata della sposa in chiesa è senza dubbio uno dei momenti più importanti in un matrimonio, l’attesa dello sposo e l’emozione nel vederla.

Ma tutte le altre persone importanti in quel giorno come la madre della sposa, le amiche più intime, i bambini…. come devono realmente entrare?

L’ordine del corteo può essere confuso, non è scontato che gli sposi abbiamo fatto delle prove (non accade quasi mai per le coppie italiane, sempre per quelle straniere) quindi cerchiamo di fare chiarezza su come questo dovrebbe essere, e dico dovrebbe perché non esiste nessuna imposizione ma solo una scelta per i più attenti al galateo nuziale.

Per prima cosa diciamo che l’ingresso in chiesa inizia con la mamma della sposa e termina con la sposa, cosi da dare un capo ed una coda ad una “sfilata” che può essere ogni volta diversa.

L’entrata della mamma della sposa indica agli invitati che il corteo sta per iniziare, una volta che lei raggiunge la fine della navata, si siede al primo banco a sinistra (lato sposa per chi non lo ricordasse) e lascia il passo all’entrata dello sposo con la mamma, lo sposo resta di fronte all’altare e la mamma si siede nel latro destro .
Molte coppie decidono di far fare l’ingresso anche al papà dello sposo che in questo caso verrà accompagnato da una donna della famiglia come una sorella, altri invece decidono di fare entrare il padre dello sposo insieme alla mamma della sposa ad aprire il corteo.

Dopo il loro ingresso si apre il capitolo “Italia – resto del mondo”, perché noi a parte i testimoni non abbiamo nella nostra tradizione bestman – groomsman- maid of honor e braidsmaids, ma da qualche tempo la tradizione americana molto amata viene applicata anche qui per avere cortei di maggior effetto.

Corteo Nuziale

Entra in contatto con Elisa Orsetti

Entra in contatto con Elisa Orsetti